Positivo alla saluteQUARTO – È stato presentato lo scorso lunedì presso l’Aula Magna dell’I.S.I.S. di Quarto il progetto “Positivo alla Salute” promosso dalla Uisp, Unione Italiana Sport per Tutti. L’iniziativa intende coinvolgere i giovani nella creazione di una campagna di formazione e informazione contro la pratica del doping nello sport. Il progetto, elaborato su scala nazionale, coinvolge altre sette città: Trieste, Varese, Pesaro, Prato, Venezia, Orvieto, Barletta. Nell’area flegrea il Comitato Territoriale Uisp ha sviluppato l’iniziativa in collaborazione con l’I.S.I.S. di via Viviani a Quarto. Coinvolti direttamente oltre cento ragazzi che opereranno con la collaborazione anche di docenti scolastici e operatori Uisp che offriranno un supporto tecnologico e informatico.

LA CONOSCENZA DEL FENOMENO – Obiettivo prioritario è quello di migliorare le conoscenze degli adolescenti sulla tutela della salute in generale e in particolare sui danni derivanti dall’inquinamento farmacologico e dal doping. La metodologia mira alla responsabilizzazione ed al protagonismo attivo dei ragazzi nell’ideazione e la realizzazione di prodotti comunicativi (video, vignette, giornali, manifesti, striscioni, canzoni, spot, performance teatrali) che saranno disponibili sulla piattaforma web nazionale della Uisp. Alla presentazione, oltre ai dirigenti dell’Istituto Scolastico, è intervenuto l’assessore all’Istruzione, alla Legalità ed alle Politiche Sociali del comune di Quarto, Francesco Pisano, che ha sottolineato l’importanza nello sport di valori come il rispetto reciproco e delle regole. Presente anche Silvia Saccomanno, responsabile progetti Uisp, che ha spiegato il progetto evidenziando la grande libertà espressiva lasciata ai ragazzi nella ricerca delle soluzioni comunicative più efficaci.

ANTONIO MARCIANO – «Ormai da anni la Uisp si impegna sul territorio per garantire il diritto allo sport per tutti i cittadini, riteniamo che sia altrettanto doveroso garantirlo pulito – ha dichiarato Antonio Marciano, presidente del Comitato Uisp Zona Flegrea- Siamo fermamente convinti che il doping si combatta partendo dalla radice, ovvero attraverso una rinnovata cultura dello sport che sia basata non sulla vittoria a tutti i costi ma sulla partecipazione e su stili di vita attivi e sani. Lo sport è innanzitutto il piacere di stare insieme, di stare bene, di essere felici. Per questo nasce il progetto “Positivo alla Salute” attraverso il quale puntiamo ad un azione di consapevolezza che parta dalle scuole e quindi dalle istituzione secondo noi più importante del nostro paese, in quanto che crea gli uomini e le donne di domani».