POZZUOLI – Il bando PNRR per costruire nuovi asili nido ha fatto registrare poche domande al Sud con più della metà dei fondi rimasti inutilizzati (oltre 1,2 miliardi di euro su 2,4). La Campania, cioè la regione con la minor presenza del servizio, è tra quelle che hanno fatto peggio. Non tutto è perduto, visto che il Ministero ha prorogato la scadenza per la presentazione dei progetti al 31 Marzo 2022. Per il capogruppo del M5S Pozzuoli, Antonio Caso, si tratta di un’occasione da cogliere al volo per realizzare una nuova scuola a Licola Mare.

L’OPPORTUNITA’ – «Non c’è tempo da perdere, occorre sfruttare tutte le opportunità messe a disposizione dal Recovery Fund. Alcuni anni fa abbiamo lanciato all’Amministrazione la proposta di costruire a Licola Mare una moderna ed accogliente scuola in bioedilizia, antisismica, ecosostenibile, con ampia area ludico-didattica esterna. -spiega Caso- Oggi rilanciamo l’idea visto che tanti soldi del PNRR sono ancora a disposizione per la sua realizzazione. Il quartiere versa, ormai da decenni, in uno stato di degrado e di abbandono. I problemi sono tanti e di non facile risoluzione, ma possiamo iniziare il processo di riqualificazione del territorio partendo proprio da una scuola. Nel piano regolatore generale del Comune vi è in zona un’area con standard urbanistico adatto allo scopo. Serve solo volontà ed impegno. Tra l’altro una scuola di proprietà permetterebbe all’Ente di risparmiare il canone attualmente versato ad un privato per il fitto di una struttura a Licola Mare non pienamente adeguata. Dal 1998 ad oggi abbiamo sborsato circa 1 milione di euro».