POZZUOLI – Dubbi sul progetto e sulle garanzie economiche. Si è raffreddata la pista che porta a Massimo Agovino, l’ex allenatore del Giugliano dato vicinissimo alla Puteolana 1902. Tra le parti ci sarebbe stato un contatto nei giorni scorsi, che però non avrebbe soddisfatto il tecnico. La porta resta comunque aperta e non si esclude un “si” visto il blasone che hanno Pozzuoli e la tifoseria puteolana. Alla base ci sarebbero i dubbi sulla gestione societaria del presidente Emanuele Casapulla, sulla sua tenuta economica a fronte di un campionato impegnativo e dispendioso come quello della serie D. Scetticismo che nasce dalla gestione alquanto “borderline” portata avanti dall’imprenditore di Volla durante la stagione agonistica appena terminata, contrassegnata da dimissioni, esoneri, litigi pubblici con componenti del suo stesso staff, attacchi (spesso velati) all’amministrazione comunale ma soprattutto del mancato pagamento degli stipendi ai calciatori costretti, addirittura, a denunciare pubblicamente la mancata copertura degli assegni firmati da Casapulla. Atteggiamenti per i quali oggi Casapulla si batte il petto da “reo confesso” tra lo scetticismo di una piazza importante che merita ben altro.