POZZUOLI – Colpo al clan Mallardo, presi in due. I carabinieri della Compagnia di Giugliano hanno dato esecuzione ad un fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Procura della Repubblica di Napoli – Direzione Distrettuale Antimafia, a carico di Marco Ruggiero, 42enne di Giugliano e Giulio De Maria, 45enne di Quarto, gravemente indiziati di tentata estorsione aggravata dal metodo e dalle finalità mafiose. I due uomini, che sono considerati vicini al clan camorristico Mallardo, operante a Giugliano e comuni limitrofi, il 6 luglio scorso, si sono presentati presso un cantiere edile di una palazzina in ristrutturazione dove, evocando l’appartenenza alla locale criminalità organizzata, hanno intimato al titolare dell’impresa di “andare a pagare a Giugliano” prima di continuare con i lavori. L’imprenditore, per altro iscritto alla associazione anti-racket di cui esponeva il cartello all’esterno del cantiere, si è però immediatamente rivolto ai militari facendo avviare le indagini che hanno portato all’emissione del provvedimento restrittivo.