Il rimessaggio di via Delle Colmate

POZZUOLI – Le lancette dell’orologio segnavano le tre del mattino quando una grossa nube di fumo si è innalzata in cielo. Un incendio è divampato questa notte in via Delle Colmate a Licola. Le fiamme hanno divorato un rimessaggio di barche. Distrutto un capannone. A fuoco otto imbarcazioni. Il danno resta ancora da calcolare, ma da una prima stima sembrerebbe ingente. L’azienda di Licola è stata annientata in pochi minuti e colpita al cuore. Il rogo, probabilmente di origine dolosa, si è sviluppato in brevissimo tempo. Ore intense di lavoro per i vigili del fuoco che, per tutta la mattinata, hanno domato le fiamme e circoscritto l’area. Al loro fianco i carabinieri della Compagnia di Pozzuoli, diretti dal capitano Claudio Di Stefano ed operativi per i primi rilievi volti a ricostruire la vicenda e a far luce sull’origine dell’incendio.

LE INDAGINI – L’assenza di un quadro elettrico nel capannone del rimessaggio di barche spinge gli investigatori a credere che il rogo di questa notte non sia stato un incidente. Si segue la pista del dolo. Le poche settimane che precedono le festività di Natale potrebbero far pensare alla famigerata usanza della richiesta del pizzo “per conto dei carcerati” alle canoniche scadenze di dicembre, Pasqua e Ferragosto.