POZZUOLI – Ci sono lo spaccio di droga e le estorsioni ai commercianti di Monterusciello dietro la gambizzazione di Antonio Izzo, 36 anni, detto “Anthony”. Già noto alle forze dell’ordine, Izzo di recente è finito alla ribalta delle cronache per aver occupato abusivamente, insieme alla compagna, una casa popolare in via Saba, culminata poi con un’aggressione a una troupe della Rai e il successivo sgombero. Contro di lui i sicari, giovedì pomeriggio, hanno aperto il fuoco tra i palazzi popolari del lotto 11, in via Silvio Novaro.

LA GAMBIZZAZIONE – Un agguato in piena regola: chi ha armato la mano dei sicari non voleva ammazzare, ma punire Izzo per uno sgarro e marcare il territorio. L’uomo è ritenuto vicino a uno dei nuovi gruppi criminali emergenti nel quartiere di Monterusciello, nei “600 alloggi”. Avvisaglie di instabilità tra vecchi affiliati e giovani leve in un quartiere dove starebbero nascendo alleanze trasversali con i clan di Quarto e Bagnoli. Indagano i carabinieri del nucleo operativo di Pozzuoli che venerdì notte hanno interrogato Izzo (dimesso con una prognosi di 30 giorni) e perquisito la sua abitazione.