POZZUOLI – E’ lo spacciatore dei clan. Dai Longobardi-Beneduce passando dal clan Ferro fino ai nuovi gruppi criminali Michele Loffredo, 38 anni, detto “Fiet ‘e cazetta”, ha sempre spacciato droga nella piazza dei ‘600 alloggi di Monterusciello. Ne sono testimonianza i numerosi arresti a cui è stato sottoposto, l’ultimo ieri durante un blitz dei carabinieri della sezione operativa di Pozzuoli che nella sua casa in via De Chirico hanno trovato 7 dosi di cocaina, nascosta nei tubi di scarico della doccia. Per Michele Loffredo è scattato l’arresto con l’accusa di detenzione di droga a fini di spaccio e attualmente si trova gli arresti domiciliari in attesa di giudizio.

L’AGGUATO – “Fiet ‘e cazetta”, ripreso a cantare nel video della festa nel giorno di Pasqua che è costato l’arresto all’altro pusher Damiano Siddi, il 6 marzo scorso fu vittima di un agguato che rientra nella guerra di camorra proprio per la gestione delle piazze di spaccio nel quartiere di Monterusciello. Contro la sua auto, parcheggiata davanti casa, i sicari esplosero diversi colpi di fucile a pompa. Un avvertimento, l’ennesimo, dopo quello di due anni fa, proprio all’indomani dell’arresto di Carlo Avallone, quando i sicari crivellarono di colpi la porta della sua abitazione.