di Antonio Carnevale

Prima stagione in B per il Rione Terra Volley
Prima stagione in B per il Rione Terra Volley

POZZUOLI– Si lavora alacremente in casa Pozzuoli Rione Terra volley. Dopo l’esaltante stagione appena trascorsa, culminata con l’approdo d’ufficio in serie B2. Il comitato FIPAV regionale ha, infatti, premiato gli sforzi e i risultati della società puteolana  nonostante lo stop in gara 3 di finale in quel di Massa Lubrense. Il presidente Giovanni Coratella è già all’opera, sul fronte sportivo e societario, per rimanere competitivi  in un torneo molto impegnativo qual è quello di B2. In panchina, per il terzo anno di fila, il confermatissimo coach Costantino Cirillo, affiancato dal prezioso Paolo Aruta, in campo invece tante conferme: il palleggiatore Porzio, le bande capitan Della Monica e Palumbo, i centrali Amato e Frongillo e il libero D’amore, tra i più positivi e punto di forza della scorsa annata.

 

SI PARTE IL 18 OTTOBRE– I puteolani sono stati inseriti nel girone G che vedrà ai nastri di partenza 5 squadre campane e ben 8 team pugliesi. Il 18 ottobre il sestetto flegreo sarà subito impegnato nell’insidiosa trasferta di Tricase (LE), mentre la seconda sarà tra le mura amiche (PalaTrincone? PalaErrico? la questione è intricata NDR) contro il Cerignola (FG). La prima fase si chiuderà il 7 maggio, l’obiettivo sarà quello di mantenere la categoria( prime 9 NDR). Obiettivo che, se raggiunto, consentirà poi ai flegrei di partecipare direttamente alla B nazionale(stagione 2016-2017), per via della riforma dei campionati. Non si può parlare quindi di mera “salvezza”, in ballo c’è di più e molto.

 

L’ENTUSIASMO DI CORATELLA– Con la sua consueta energia e voglia di fare il massimo dirigente del Pozzuoli volley, che esporterà il nome di Pozzuoli e del brand “Rione Terra” fuori regione, è carico: «Siamo orgogliosi di rappresentare la città di Pozzuoli a livello nazionale nello sport e stiamo facendo il massimo degli sforzi per poter avere un immagine e solidità degna del nome che rappresentiamo– queste le sue prime parole-Sul piano tecnico ci stiamo attrezzando per rimanere competitivi e magari toglierci qualche soddisfazione. In tal senso siamo già in contatto con diversi atleti di livello ma non è facile chiudere accordi per via di azioni di disturbo di altre società. Infine c’è ancora da sciogliere il nodo del campo di gara tuttavia contiamo di trovare una sistemazione consona alle nostra categoria ed ambizione. Il nostro motto è prima amore e passione, vogliamo atleti attaccati al progetto e alla maglia, ce la giocheremo, saremo all’altezza».