MONTE DI PROCIDA – Usura, estorsione continuata e lesioni aggravate. Sono le accuse contestate a Salvatore Rinaldi, residente a Monte di Procida. I carabinieri della Compagnia di Pozzuoli hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare applicativa degli arresti domiciliari, emessa dal Gip del Tribunale di Napoli, nei confronti del 78enne montese. In particolare il provvedimento scaturisce dalle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli, Settima Sezione, ed effettuate dai carabinieri della stazione di Monte di Procida nel periodo compreso tra gennaio e luglio del 2019, anche con l’ausilio di intercettazioni telefoniche, avviate a seguito della denuncia sporta da un cittadino che aveva ricevuto in prestito dall’uomo la somma di 400 euro nell’ottobre del 2018, a fronte della quale l’arrestato pretendeva la restituzione di interessi usurari quantificati in 200 euro. Per ottenere la somma, il 78enne – secondo quanto ricostruito dai militari dell’Arma – aveva usato violenze e minacce, anche con la collaborazione di persone rimaste ignote, causando lievi lesioni alla vittima.