POZZUOLI – La musica riesce a raccontare esperienze commoventi e forti, ma è anche un mezzo che dà maggior pregio ai sentimenti. Vanni Pignalosa è un giovane ragazzo puteolano, che ha la passione per la musica, ama cantare e narrare storie. Lavora nell’ambito del volantinaggio per lo Studio Senese Italia Group, tuttavia, sovente, abbraccia la chitarra per esorcizzare i pensieri e gli attimi di vita trascorsi. Da pochi giorni è uscito il suo nuovo singolo su YouTube: Le carezze che non mi hai dato (link: https://youtu.be/XPTndSfpogg), ispirato alle vicende esistenziali di sua cognata Loredana, che ha affrontato momenti bui e neri a causa della malattia che l’ha colpita improvvisamente: la leucemia. Ma con il passare del tempo e mille difficoltà, la giovane madre di due piccoli cuccioli ha saputo rialzarsi con forza e determinazione, rappresentando una flebile speranza in questo periodo pandemico che ha colpito chiunque.

LA POTENZA DELLA MUSICA – Abbiamo intervistato il cantante Vanni Pignalosa, per ascoltare come funziona il suo processo creativo. «Questa canzone la scrissi un po’ di tempo fa, quando la mia vita procedeva a pieni ritmi. Poi dentro di me è calato il buio, anche se ho sempre cercato di non far trasparire nulla, sebbene la malattia di mia cognata Loredana ha cambiato molte cose a livello esperienziale e personale. Credo che il segreto di tutto sia quello di essere sempre positivi, qualunque situazione si affronti. Se credi in Dio… Dio è con te. Mi ero promesso di cantare tale canzone, quando gli eventi nella mia esistenza avessero ripreso un ritmo più giusto e felice. Oggi, dopo tante paure, finalmente quel momento di serenità è arrivato. L’introduzione della canzone l’ho dedicata a Loredana, mentre la parte finale per me è la più bella di tutte, infatti c’è lei che canta il ritornello sorridente e spensierata, perché la musica fa questo: allontana le nubi e fa arrivare il sereno. È terapeutica, plasma ogni attimo rendendolo unico. Lori non so più come definirla, forse chiamarla “leonessa” sarebbe riduttivo. La canzone, poi, è solo la cornice di un quadro carico di essenza e volontà: gli occhi sono tutti per lei. Il recupero della vista è l’ultima scalata verso la sua più grande vittoria

IL VIDEO – Il video è interamente girato a Pozzuoli. I Campi Flegrei sono la location perfetta, grazie alle bellezze mozzafiato amate sin dall’antichità. «Ci siamo divertiti molto a girare il video – continua Vanni – con il mio amico video-maker Vincenzo Percuoco. Quest’ultimo è un ragazzo dalle mille qualità, gli auguro di essere tutto quello che desidera. Gli altri ringraziamenti sono presenti nei titoli di coda. Voglio, inoltre, esprimere la mia gratitudine a Francesco di Tullio, il compositore del brano, che con la sua bravura riesce a sviscerare le emozioni raccontandole sotto forma di musica.» Consiglio la visione del videoclip, non solo per esplorare le meravigliose immagini aere effettuate con il drone, ma invito ad ascoltare il brano orecchiabile e carico di significato. Un perfetto singolo estivo.