furti a la cartiera
Fanno sparire nelle lavatrici gli antitaccheggi dei telefonini

NAPOLI – Avevano escogitato un metodo per passare indenni tra i rilevatori dell’antitaccheggio: all’interno del punto vendita “preso di mira” spacchettavano e privavano del sistema antitaccheggio i materiali di interesse (per lo più telefonini di ultima generazione) facendo sparire involucri e sistemi di protezione infilandoli nelle lavatrici in esposizione e poi passavano dalle casse tenendo in tasca dei telefonini ormai “disarmati”.

4 IN MANETTE – Ma l’escamotage ha avuto vita breve e i carabinieri della stazione di Pompei hanno tratto in arresto per tentato furto aggravato: Irakli Mumladze, della Georgia, 23enne, domiciliato a Napoli in via Ferdinando Balianzi, già noto alle forze dell’ordine; Volodymyr Gutaiev, della Georgia, 44 anni, domiciliato a Napoli in via Cappella a Ponte Nuovo, già noto alle forze dell’ordine; Zviadi Pargalava, della Georgia, 25 anni, domiciliato a Napoli in via Roma, già noto alle forze dell’ordine; Marianna Adamchuk, ucraina, 37 anni, domiciliata a Napoli.

SCOPERTI – I militari dell’arma sono intervenuti nel punto vendita all’interno del centro commerciale La Cartiera a seguito di segnalazione di un addetto alla sicurezza, accertando che i ladri avevano, appunto, rimosso i dispositivi antitaccheggio e gli imballaggi di alcuni telefonini buttandoli nei cestelli delle lavatrici in esposizione e poi avevano tentato di uscire con i telefoni, venendo comunque individuati “a vista” e bloccati prima di uscire. Il materiale è stato rinvenuto e restituito all’avente diritto. Gli arrestati sono in attesa di rito direttissimo.