donna bacoliBACOLI – Non soltanto l’incubo di automobilisti e motociclisti, ma anche la dannazione per quanti a bordo delle proprie carrozzine sono costretti a percorrerle. Sono le strade dissestate insistenti sul territorio bacolese che ogni giorno si trasformano in lunghi ed insidiosi percorsi ad ostacoli. Tanti, troppi gli incidenti sull’asfalto. Domenica scorsa, l’ennesimo. Stavolta, ad avere la peggio è stata una giovane bacolese, costretta a causa di un handicap motorio, a spostarsi in carrozzina.

donna carr 2LA DINAMICA – A denunciare lo spiacevole episodio è Nestore Antonio Sabatano, amico della vittima. «E’ successo in via Fusaro, nei pressi dello stabilimento Selex – spiega Antonio – C.A., era a bordo della sua carrozzella elettrica quando, durante il tragitto, ha perso l’equilibrio ed è caduta. Il veicolo si è ribaltato e lei è precipitata rovinosamente sull’asfalto, invadendo l’altra corsia di marcia. Si è sfiorata una tragedia. Non oso immaginare – continua – cosa le sarebbe potuto accadere se dal senso opposto fosse sopraggiunta un’altra vettura. E tutto questo, a causa del manto stradale dissestato e lavori non eseguiti a regola d’arte».

“NESSUNA MANUTENZIONE DELLE STRADE” – Via Fusaro è da annoverarsi, infatti, tra le tante arterie di confine, lontane dal cuore pulsante del paese che a tutt’oggi non possono vantare di una sede stradale “ad hoc”. Marciapiedi dissestati, tombini che cedono e buche grandi come voragini sono soltanto alcune delle principali insidie stradali che si riscontrano lungo questa tratta. «La mia amica – conclude Sabatano – è stata fortunata. Se l’è cavata con qualche contusione e diverse escoriazioni. Ma una domanda all’Amministrazione, a questo punto, è d’uopo: ogni anno paghiamo una tassa denominata Tasi, che include una serie di servizi tra cui la manutenzione del manto stradale, come vengono investiti questi soldi a tal riguardo?».