dimissioniBACOLI – E’ stato un risveglio amaro per Josi della Ragione, il sindaco “giovane” che con la sua “rivoluzione dal basso”, soltanto un anno fa aveva conquistato la fiducia dei bacolesi. Da stamane la sua Amministrazione è ufficialmente finita. Con la firma dei 9 consiglieri dimissionari è stato raggiunto il numero necessario per far cadere Consiglio e Giunta a Bacoli. Una sorpresa che ha lasciato di stucco il Primo Cittadino che stamane, sulla propria scrivania, ha trovato il documento firmato dai suoi ex fedelissimi e dal centrodestra. Immediata quindi la procedura che porterà allo scioglimento del parlamentino civico e alla nomina di un Commissario Prefettizio che dovrà guidare l’Ente fino alle prossime elezioni amministrative.

josiLA RABBIA DELL’EX SINDACO – «Un tradimento meschino ed irresponsabile». E’ con queste parole che l’ormai ex sindaco commenta la decisione dei 5 “dissidenti” di costituire «un asse comune con il centro-destra» pur di mandarlo a casa. «Non c’è uno straccio di motivazione tra queste carte – prosegue – La prima firma è del consigliere Dario Perreca, seguita da quella dell’ex sindaco Ermanno Schiano. Avevamo una serpe in seno dal mese di febbraio e se hanno accelerato i tempi è soltanto perché oramai questo accordo con chi per anni ha affossato il territorio lo avevamo scoperto, altrimenti, come disse la consigliera De Cicco “mi avrebbero fatto soffrire lentamente” ancora per un po’».


“E’ SOLTANTO UNA INTERRUZIONE”
– Da tempo l’ex Primo Cittadino aveva perso il sostegno della sua maggioranza. Insanabile era parsa la rottura con i suoi “vecchi” associati durante l’ultima riunione di Consiglio Comunale, svoltasi soltanto il 30 giugno scorso. «Se queste erano le intenzioni – continua Della Ragione – perché non assumersi le proprie responsabilità in seduta pubblica e sfiduciarmi dinanzi alla cittadinanza? Hanno agito “di nascosto”, distrutto una città e mortificato anni di sacrifici e battaglie astenendosi all’approvazione del Piano di Riequilibrio finanziario pluriennale, documento necessario al fine di salvare dal dissesto questo Comune». Insomma, spina nel fianco dell’ex sindaco non sono di certo le opposizioni «dalle quali mi sono sempre aspettato soltanto il peggio, considerato come hanno ridotto questo paese», aggiunge Della Ragione, bensì quelli che fino a ieri erano stati i suoi «uomini di fiducia». Con voce decisa Della Ragione lancia il primo guanto di sfida a quanti oggi hanno decretato la fine del suo mandato: «Queste persone hanno soltanto interrotto un’attività amministrativa che procederà, più forte di prima, a partire dalle prossime elezioni. Mi candiderò nuovamente e vincerò per riprendere da dove abbiamo lasciato. Hanno bloccato grandi progetti: dal Sea Front Baia al programma di Liquidazione del Centro Ittico Campano che da qui a breve avrebbe visto l’acquisizione a patrimonio comunale delle Cinque Lenze prima e del Parco della Quarantena poi. Il tutto entro metà luglio. Così non sarà oggi. Lo sarà sicuramente domani», conclude.

STASERA MANIFESTAZIONE DI SOLIDARIETA’ – Intanto, per questa sera i supporters di Josi e della sua Giunta annunciano una manifestazione di vicinanza e solidarietà nei confronti del Sindaco che si terrà oggi pomeriggio, alle ore 18, in Villa Comunale, di fronte al Municipio.