MONTE DI PROCIDA – «Come viene tutelato il verde pubblico a Monte di Procida?» Se lo chiedono i cittadini residenti nel più piccolo dei centri flegrei, increduli dopo quanto accaduto negli ultimi due giorni. Il Comune nell’eseguire lavori di sistemazione del margine stradale sembrerebbe aver deciso di soffocare gli alberi di pino marittimo con l’asfalto.

viapanoramica2LA RIVOLTA SUL WEB – Da ieri, sul social network di Facebook, i cittadini esprimono il proprio malcontento, accusando l’Amministrazione Pugliese di non avere la minima sensibilità sul tema degli alberi e della tutela del patrimonio verde. «I nostri pini non hanno più la possibilità di attingere acqua – scrive qualcuno – l’Amministrazione così facendo ha condannato a morte diverse alberature». «Chiediamo spiegazioni in merito – dicono altri – e pretendiamo la rimozione immediata del materiale». Ma ciò che più fa infuriare gli ambientalisti è il fatto che questi interventi di fresatura dell’asfalto siano stati messi in campo utilizzando i proventi dei parcometri posizionati sul territorio. Soldi cittadini, dunque, che anziché giovare alla comunità, la renderebbero “complice” di un danno ambientale. Non solo, è di tutta evidenza che gli stessi lavori di sistemazione del margine stradale non sono stati eseguiti “ad hoc” e che la carreggiata risulta altresì pericolosa, specie per pedoni e motociclisti.

viapanoramica3“LAVORI FATTI MALE”: LA RICHIESTA IN MUNICIPIO – Arriva quindi spedita la prima richiesta di verifica urgente degli interventi effettuati in via Panoramica. A sottoscriverla è l’avvocato Armida Mancino, decisa ad andare fino in fondo. Diverse le problematiche che l’attivissima cittadina montese pone all’attenzione del Sindaco, dell’Assessore alla Viabilità e del Comandante della Polizia Municipale: «Ad oggi è già evidente che l’asfalto posato in strada si sta disfacendo, lasciando sul manto stradale pericolose pietruzze che possono causare sia la caduta dei pedoni che il danneggiamento della sede stradale stessa; peraltro parte di questo materiale è ricaduto sul suolo di privati cittadini, che quindi stanno subendo un evidente danno ingiustificato – si legge nella lettera protocollata stamane presso la Casa Comunale – Ciò posto, invito Le S.V. a provvedere ad horas sia ad ordinare la rimozione dei materiali dispersi sulla carreggiata che ad ordinare il ripristino delle condizioni normali di percorribilità della Via Panoramica».

viapanoramica1ASSENZA DI MANUTENZIONE – «Colgo l’occasione per sottolineare, ancora una volta, che il manto stradale all’altezza dei civici su menzionati è completamente fessurato, e che l’assenza di ordinaria manutenzione sullo stesso porterà al peggioramento della situazione, con evidenti conseguenze sulla sicurezza stradale – prosegue l’avvocato Mancino – 
Infine sottolineo, ancora una volta, che le griglie per il deflusso dell’acqua nella zona sopra identificata sono completamente ostruite, con la conseguenza che, in caso di pioggia, è interdetta ai pedoni la possibilità di camminare lungo i margini della via, che è del tutto sprovvista di marciapiedi, e che le acque non incanalate correttamente vanno ad approfondire ulteriormente le spaccature presenti lungo il mando stradale, contribuendo a rendere lo stesso più fragile ed insicuro
». Questa l’accurata analisi dello stato dei luoghi lungo la sola tratta attualmente percorribile per raggiungere Monte di Procida dopo la chiusura di via Salita Torregaveta.