QUARTO – Dopo la formale richiesta del Comune di Quarto e il decreto firmato a fine 2021 dal ministro della Cultura Dario Franceschini, la Villa rustica di epoca romana ribattezzata Villa del Torchio è stata inserita ufficialmente nel Parco Archeologico dei Campi Flegrei. Si apre, adesso, una nuova fase e nuove prospettive di collaborazione tra il Comune di Quarto e il Parco, come ha evidenziato il sindaco Antonio Sabino nel corso di un incontro che si è tenuta ieri pomeriggio a Villa del Torchio con il direttore del Parco Archeologico Fabio Pagano. Alla riunione erano presenti anche gli assessori comunali al Turismo, Giuseppe Martusciello e alla Cultura e PNRR Raffaella De Vivo, oltre ai consiglieri comunali Rosario Di Roberto e Gennaro Castellano.

I COMMENTI – «Ringrazio il Direttore Pagano e il suo staff, con il quale abbiamo avuto un proficuo confronto istituzionale e tecnico-operativo che, già nelle prossime settimane, produrrà atti importanti per la valorizzazione e la promozione della Villa del Torchio – dice il sindaco – Il modello al quale stiamo lavorando con il Parco Archeologico è quello dell’Accordo di Partenariato come previsto dal Codice degli appalti. Un nuovo modello di gestione e valorizzazione innovativa, già sperimentato per Piscina Mirabilis e Macellum, che rientra anche nella più ampia prospettiva di marketing territoriale per Procida2022» Il Direttore del Parco archeologico dei Campi Flegrei esprime soddisfazione per questa nuova sfida e dichiara: «Il Parco archeologico dei Campi Flegrei allarga i suoi confini e abbraccia ora anche l’importante territorio di Quarto, configurandosi ancora di più come animatore di ampie strategie territoriali. Ereditiamo l’importante lavoro svolto dalla Soprintendenza e dal Comune di Quarto e siamo già al lavoro per sviluppare un piano di valorizzazione che possa dare il giusto risalto alla Villa del Torchio come luogo della memoria antica, perno per il futuro sviluppo del territorio e generatore di opportunità culturali e sociali».