POZZUOLI – Undici persone contagiate in un solo giorno a Pozzuoli. È questo l’esito dei tamponi effettuati dall’Asl: molti di essi sono legati all’ospedale Santa Maria delle Grazie, focolaio dell’epidemia nelle ultime ore. Ed in un caso al momento c’è un collegamento tra una contagiata ed un suo familiare. A Pozzuoli, dall’inizio dell’emergenza ad oggi, salgono a 61 le persone che hanno contratto il Covid. Di queste 51 sono attualmente contagiate (2 ospedalizzate e 49 in isolamento domiciliare), 4 persone guarite definitivamente e 6 decedute.

L’EMERGENZA –  “La situazione di oggi è molto seria. – ha affermato il sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia – Quanto è accaduto all’ospedale Santa Maria delle Grazie fa entrare la nostra città e tutti i Campi Flegrei in una fase molto delicata. Sono al lavoro con i sindaci degli altri comuni flegrei per ottenere interventi mirati da parte dell’Asl e far fronte a questa urgenza, che ci catapulta in uno scenario nuovo. Alcune azioni già sono state intraprese, come vi ho annunciato ore fa. Da sabato notte, sto lavorando incessantemente, insieme agli altri sindaci dei Campi Flegrei, per arginare questa criticità. Si farà poi luce sulle responsabilità di quanto è accaduto. Ora è il momento di agire e presto. Per la sicurezza di tutti, a partire dal personale ospedaliero e dei pazienti e di tutta la città. Per tale motivo sono stati effettuati in ospedale nella sola giornata di oggi diverse centinaia di tamponi a tappeto, per coloro che lavorano all’interno del nosocomio, per i ricoverati, per i dimessi e i loro parenti. Il distanziamento sociale è la nostra unica arma e che fino ad ora ci ha aiutato. Noi siamo da quaranta giorni chiusi in casa, e ciò gioca a nostro favore per evitare il propagarsi del virus. Non abbiamo ancora superato la prima fase. Ci siamo dentro. Del tutto. Con sacrificio possiamo e dobbiamo farcela. Continuiamo a limitare le nostre uscite, a non avere contatti con persone esterne al nostro nucleo familiare. Tra Pasqua e Pasquetta ci siamo comportati molto bene: è il momento di continuare a farlo, dando ancora di più. È l’unica arma che abbiamo per farcela. Ieri ed oggi sono state due giornate devastanti. Domani, martedì, vi spiegherò con un video cosa è accaduto e cosa dobbiamo fare. Restiamo in casa, solo così potremo difenderci e uscirne!”