POZZUOLI – “Na vaota, quanno ie tenæve seie anne, ncopp’ a neu libbre’ ca parlave de’ furæste preimordiale, che se chiammava «Storie vissute», verætte neu disægne treoppe checazze. Se veræv’ neu serpænte boa ca s’ ghiaòtteve ‘n animale. Càesta cca è ‘a caòpie reu disægne”. Così recita l’incipit del Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry rivisitato in puteolano da Luigi di Razza, noto ai conterranei – e non solo – per i suoi dissacranti video girati con un esilarante accento “puzzulano”, caricaturale ma foneticamente fedele alla reale pronuncia. Un progetto tutto flegreo, quello della traduzione del grande classico per bambini, che ha coinvolto l’editore di Bacoli “Il punto di partenza” e, per la stampa, la “Grafica montese” di Monte di Procida, con la prefazione dell’attore e caratterista Nando Paone.

IL LIBRO – Concepita negli ultimi due anni durante il lockdown in Lussemburgo, dove Luigi vive con sua moglie, l’idea ha preso spunto da un importante ricordo d’infanzia dell’autore. “E’ un libro che ho molto a cuore. L’ho letto per la prima volta da bambino, più volte da ragazzo e poi anche da adulto. Anche mia moglie lo ama, a casa abbiamo 30 copie acquistate nei paesi che visitiamo, in varie lingue o dialetti. Questo lavoro esprime quindi il grande affetto che mi lega a questo racconto”.

LA PRESENTAZIONE – La passione e l’entusiasmo di Di Razza hanno conquistato anche l’amministrazione comunale, che patrocina “U preincipe creiateure” ospitandone la presentazione a Rione Terra, a Palazzo Migliaresi, sabato 16 aprile alle 17.30. Introdurrà l’autore – che con il cantautore Andrea Tartaglia leggerà qualche capitolo – l’avv. Stefania De Fraia, assessore al Turismo e Cultura. “Il Rione Terra è il simbolo della nostra città, e questa traduzione del Piccolo Principe nel nostro dialetto vuol essere un atto di amore verso Pozzuoli. Lo consiglio vivamente ai bambini affinché capiscano il valore delle tradizioni e dell’appartenenza”. Sarebbe bello, auspica l’autore, che i turisti potessero trovarlo presso i siti archeologici per acquistarlo come un souvenir un po’ fuori dal comune. Il libro si può preordinare a [email protected] o sul sito internet www.luigidirazza.net, a breve sarà acquistabile in libreria.