Da sinistra Pierluigi Rotta e Matteo Demenego

POZZUOLI – Si terrà domani alle 11, presso la Sala della Protomoteca in Campidoglio, l’evento dal titolo “I simboli della Repubblica”, promosso dalla Presidenza dell’Assemblea Capitolina e dall’Associazione Nazionale Insigniti dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana (ANCRI) per celebrare la “Giornata dell’Unità nazionale, della Costituzione, dell’Inno e della Bandiera”. L’appuntamento, moderato dal Prefetto Francesco Tagliente, prenderà il via con “Canto degli italiani” intonato dal Tenore Francesco Grollo nella versione originale. Previsti gli interventi istituzionali della Presidente dell’Assemblea Capitolina Svetlana Celli, del Presidente dell’ANCRI Uff. Tommaso Bove, del Questore di Roma Mario Della Cioppa, del Vice Presidente della Regione Lazio Daniele Leodori, del Vice Sindaco di Roma Silvia Scozzese e del Prefetto di Roma Matteo Piantedosi.

L’OMAGGIO – Al termine il professore Michele D’Andrea terrà una conferenza “briosa” sui simboli della Repubblica, con una lezione-spettacolo a ritroso nel tempo fra le pieghe della storia ufficiale, arricchita da curiosità e aneddoti. E’ stato deciso di anticipare e far coincidere la cerimonia con una delle pagine più cupe della storia italiana: il sequestro in Via Mario Fani di Aldo Moro con lo sterminio dei cinque servitori dello Stato di scorta: Raffaele Iozzino, Oreste Leonardi, Domenico Ricci, Giulio Rivera e Francesco Zizzi. Nel corso della cerimonia sarà consegnato anche il “Tricolore alla memoria” ai genitori degli agenti della Polizia di Stato Pierluigi Rotta e Matteo Demenego, i “Figli delle stelle “della “Volante 2”, uccisi a Trieste il 4 ottobre 2019.