Vincenzo Baia

QUARTO – Rapina aggravata e detenzione e porto di armi da sparo in luogo pubblico. Sono le accuse contestate a Vincenzo Baia, 30 anni, e a Beniamino Cipoletta, 19 anni. I carabinieri della tenenza di Quarto, presso le case circondariali di Santa Maria Capua Vetere e Benevento, hanno dato esecuzione a un ordine di custodia cautelare in carcere nei loro confronti. Il provvedimento è scaturito dagli approfondimenti investigativi svolti dai militari dell’Arma e condotti dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nola, a seguito della rapina messa a segno nella sala slot “Caesars Games” di Quarto. Era il 20 luglio del 2019 e le lancette segnavano le 00.05 quando in tre fecero irruzione nel locale di via Campana. Durante l’assalto rimase gravemente ferito un dipendente. Il cassiere fu centrato da quattro colpi di pistola. Sia Baia che Cipolletta, unitamente a due complici, furono arrestati dopo la rapina. Dalle indagini è emerso che l’auto, sequestrata in seguito al colpo nella sala slot di Quarto, fu utilizzata per compiere pure due rapine a mano armata di scooter e oggetti personali ad altrettanti cittadini in strada. Secondo quanto emerge dall’attività investigativa le rapine furono perpetrate il 19 luglio del 2019 a Nola e a Sant’Anastasia. Da qui il provvedimento emesso poche ore fa nei confronti dei due uomini di Pomigliano d’Arco.