I due arrestatiNAPOLI – Gli agenti del Commissariato di Polizia San Ferdinando unitamente a quelli del Commissariato Montecalvario e collaborati dall’Ufficio Prevenzione Generale hanno arrestato per il reato di rapina in concorso tra loro ed altra persona in fase di identificazione, Salvatore Buonocore, 36enne, napoletano, con precedenti di polizia e sottoposto ad obbligo di firma presso il Commissariato di Polizia “Montecalvario” e Mariapia Prudele, 44enne, napoletana, anch’essa con precedenti di polizia. Nel primo pomeriggio di ieri, i poliziotti dell’ufficio prevenzione generale, impegnati nel controllo del territorio, mentre transitavano via Speranzella, sono stati avvicinati da tre turisti australiani che, denunciavano di aver appena subito la rapina di un orologio in oro massiccio 24 carati “Philippe Patek”, modello Nautilus, dal valore commerciale di 80 mila dollari, indossato da uno di loro; i tre riuscivano a fornire dettagliate descrizioni di due dei tre rapinatori.

 

 

LA FUGA E L’ARRESTO – Non appena divulgate le note inerenti i rapinatori, i polizotti del commissariato San Ferdinando hanno intercettato, bloccato ed arrestavano la donna, in vico Lungo Gelso; mentre gli agenti del commissariato Montecalvario riconoscevano dalle descrizioni l’uomo sottoposto all’obbligo di firma. I poliziotti, hanno notato la presenza dell’uomo in vico Canale a Taverna Penta; il rapinatore accortosi della pattuglia ha tentato inutilmente di allontanarsi ma è stato bloccato ed arrestato. I poliziotti hanno accertato che i tre turisti erano stati bloccati poco prima, in via speranzella, da uno scooter condotto dalla donna e contestualmente ad un suo cenno si materializzavano due uomini a bordo di un altro scooter, mentre il 36enne rimaneva alla guida il passeggero ne discendeva strappando l’orologio dal polso della vittima per poi dileguarsi tra vicoli del quartiere. La vittima ed i suoi amici hanno riconosciuto i due rapinatori. Entrambi sono stati arrestati e condotti in carcere, mentre proseguono le indagini della Polizia per rintracciare il terzo uomo. Inoltre lo scooter utilizzato dalla donna è stato rinvenuto e sottoposto in sequestro in Vico Lungo Gelso.