QUARTO – Si potrebbe andare verso un’amministrazione di espulsi, dopo la decisione della commissione di garanzia del Pd di Napoli di vagliare il “caso” di Vincenzo Campanile. Il neo-assessore al Bilancio chiamato pochi giorni dal sindaco Capuozzo a far parte della squadra di governo, è infatti un tesserato storico del Partito Democratico.

CANDIDATO A CARDITO – E tra le fila del Pd si è anche candidato alle scorse amministrative nel suo Comune, a Cardito. «Saranno avviate le procedure previste dagli organi di garanzia che potranno portare all’espulsione dello stesso dal partito» fanno sapere dalle segreterie di Napoli e di Quarto dei democratici. «Non ne so nulla, non ho ricevuto alcunché di ufficiale. Vorrei solo precisare che a Quarto sono stato chiamato come tecnico». Già, ma a guidare la macchina c’è un sindaco, Rosa Capuozzo, eletta tra i 5 Stelle, seppur espulsa lo scorso gennaio. Ecco perché tra lei e Campanile si andrebbe a formare un gruppetto di espulsi dai rispettivi partiti e movimenti come non si era mai visto da queste parti. E anche questo entra a far parte del grande (ed infinito) libro  “Il caso Quarto”.