di Alessandro Napolitano

francesca_salatiello
Francesca Salatiello

QUARTO – Francesca Salatiello è il nuovo commissario cittadino di Forza Italia. A nominare l’ex candidata alla carica di consigliere regionale è stato il coordinatore provinciale degli “azzurri”, Antonio Pentangelo il quale ha anche ringraziato il predecessore della Salatiello, Antonio De Vivo.

L’INVESTITURA DA PENTANGELO – «In relazione al risultato delle elezioni amministrative a Quarto e in considerazione della decisione assunta da Antonio De Vivo di rimettere, all’indomani delle elezioni, l’incarico di Sub Commissario, questo Coordinamento Provinciale ritiene necessario ricomporre il quadro unitario per procedere al rilancio del partito. In tal senso, nel ringraziare Antonio De Vivo, per il lavoro svolto, si è stabilito di procedere alla nomina di Francesca Salatiello, anche in considerazione del buon risultato conseguito nella competizione elettorale regionale, quale Commissario di Forza Italia nel Comune di Quarto».

PARTITO DA RIFONDARE – La nomina di Francesca Salatiello arriva in un momento particolarmente delicato per Forza Italia a Quarto, dilaniato durante la campagna elettorale per il rinnovo del consiglio comunale e l’elezione del futuro sindaco. Una competizione che per i berlusconiani è stata caratterizzata da non pochi colpi di scena e fratture interne. Tra queste ultime quella che ha portato alla decisione da parte dei vertici regionali di eliminare il simbolo forzista dai manifesti elettorali tra chi lo contendeva: da una parte Fracesco Di Criscio, dall’altra suo cugino Gabriele. Il primo, poi, si ritirò dalla campagna elettorale, andando persino ad indicare la propria preferenza a favore del Movimento 5 Stelle pochi giorni prima dell’apertura delle urne. Indimenticabile, poi, l’episodio della copertura dei manifesti “6×3” con l’effige di Francesco Di Criscio ad opera dell’ex sindaco della città, Massimo Giarrusso, in aperta polemica con il “cavaliere”. Ora, dunque, è arrivato il momento di ricostruire il partito. E lo dovrà fare proprio colei la cui corsa verso il consiglio regionale è stata in qualche modo danneggiata anche dallo scontro interno a Forza Italia.