di Alessandro Napolitano

giovanni_santoro
Giovanni Santoro

QUARTO – Ha rotto finalmente il silenzio Giovanni Santoro, ex candidato sindaco che ancora doveva esprimersi circa un’eventuale indicazione di voto a favore di uno dei due aspiranti fascia tricolore al ballottaggio. E alla fine ha prevalso il lassaire faire. Santoro non indica nessuno tra i due candidati, spiegando: «Con la coalizione di Di Criscio non abbiamo avuto un dialogo costruttivo, per incompatibilità politica. Ci siamo incontrati con i rappresentanti del M5S e durante i colloqui ci hanno chiesto un appoggio per il ballottaggio, noi avremmo voluto sostenerli con un apparentamento ufficiale, come previsto dalla legge, per migliorare insieme il numero dei consiglieri senza chiedere nomine di assessori e per evitare ogni ambiguità e accordi sotto banco, ma ci è stato riferito che il loro statuto non permette né l’apparentamento né altri tipi di partecipazione diretta all’interno di una possibile maggioranza. Purtroppo un regolamento così assolutista non permette di legittimare la partecipazione di chi rappresenta i consensi aggiuntivi.

LA DECISIONE – Diversi nostri elettori – prosegue Santoro – vorrebbero scegliere il nuovo ma ci chiedono garanzie sul comportamento futuro che questi avranno in Consiglio Comunale cosa che, ovviamente, noi non possiamo garantire perché non faremo parte della maggioranza e non conosciamo quale sarà il loro comportamento politico e amministrativo, pertanto dopo diverse assemblee il gruppo ha deciso di lasciare ampia libertà ai nostri elettori di fare la propria scelta. A prescindere da chi vincerà questo turno di ballottaggio, la nostra posizione nel Consiglio Comunale ci permetterà di fare sindacato ispettivo e di sostenere tutte le proposte utili al paese, mantenendo la giusta distanza da fatti e persone poco chiari». Dunque nessuna indicazione di voto da parte di Santoro, i cui 2300 elettori della sua civica Uniti per Quarto potrebbero far pendere l’ago della bilancia a favore di uno dei due candidati sindaco rimasti in corsa per via De Nicola. I quali, al primo turno, sono rimasti divisi da circa 700 voti.