di Alessandro Napolitano

alloggi_popolari_01
Gli alloggi popolari di via Crocillo a Quarto

QUARTO – E’ stato finalmente firmato il decreto di assegnazione degli alloggi popolari di via Crocillo. Un sospiro di sollievo per ben 133 persone, da anni in attesa di un’abitazione. Ora non resta che attendere la stipula del contratto di locazione tra gli assegnatari e l’Iacp, l’Istituto autonomo case popolari. Saranno 32 gli alloggi che verranno presto consegnati (probabilmente entro la fine di luglio). In realtà dovevano esserne consegnati 36, ma gli ulteriori controlli da parte della polizia municipale, incrociati con quelli effettuati in passato dalla Guardia di Finanza, hanno permesso di scoprire alcune irregolarità. In particolare si tratta di nuclei familiari inizialmente inseriti nella graduatoria finale, ma che – si è poi scoperto – occupavano abusivamente alloggi di proprietà del Comune.

 

VIGILANTES PER PROTEGGERE GLI EDIFICI – Una grave violazione della normativa in materia che ha immediatamente fatto scattare la cancellazione dalla lista degli assegnatari. Non pochi erano stati i timori da parte di chi attende la consegna delle chiavi per quanto riguarda le occupazioni delle case praticamente terminate. La paura, piuttosto fondata considerati diversi precedenti, era che di notte qualcuno potesse entrare negli alloggi occupandoli abusivamente. Difficilissimo sarebbe poi stata la loro “cacciata”. Da qui l’idea di organizzare vere e proprie ronde notturne da parte degli assegnatari. Ma la ditta che ha realizzato i 36 nuovi alloggi era già corsa ai ripari contro il rischio di occupazione, mettendo in campo squadre di vigilantes privati 24 ore su 24. Il cantiere di via Crocillo era stato aperto nel 2012, mentre la consegna degli appartamenti era prevista per lo scorso mese di maggio.