di Alessandro Napolitano

I carabinieri hanno sequestrato la marijuana in casa di padre e figlio
I carabinieri hanno sequestrato la marijuana in casa di padre e figlio

QUARTO – Un’attività familiare alquanto atipica quella scoperta dai carabinieri di Giugliano. Padre e figlio sono infatti finiti in manette dopo che i militari hanno scoperto ben 14 piante di cannabis alte due e metri mezzo nel loro appartamento, al confine tra Marano e Quarto. Ad essere trasferiti nella casa circondariale di Poggioreale sono stati Domenico Longobardi, 56 anni e già volto noto alle forze dell’ordine e suo figlio Gennaro, un incensurato di 24. Dopo le indagini dei carabinieri è scattata la perquisizione nell’abitazione dei due.

IL SEQUESTRO – Ingente il quantitativo di “erba” trovata, il cui peso complessivo è di circa 30 chilogrammi. Oltre alle piante, giunte al loro punto massimo di crescita e messe già ad essiccare, dai controlli è emerso un altro chilogrammo di cannabis, già essiccata e messa da parte. A finire sotto sequestro anche tutta l’attrezzatura che padre e figlio avrebbero utilizzato per confezionare le singole “dosi”, tra cui un bilancino di precisione. Dopo aver espletato le formalità di rito in caserma, per Domenico e Gennaro Longobardi si sono aperte le porte del carcere. Dovranno rispondere di concorso in detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.