POZZUOLI – Ormai gli addii non si contano più. Dopo calciatori e allenatori lascia la Puteolana 1902 anche il direttore sportivo Michele Iervolino all’indomani della sconfitta per 4-1 a Gravina. Alla base dell’ennesimo addio ci sono sempre gli stessi problemi: disorganizzazione, nessuna programmazione, un progetto che non esiste e, soprattutto, mancano i soldi, i fondi per portare a termine una stagione in maniera dignitosa, non solo da un punto di vista sportivo. Lo testimoniano i mancati investimenti e le insolvenze da parte della società denunciate da più parti. Un calvario che continua ad essere nascosto da una comunicazione che sui social ha le sembianze di quella condotta da Saddam Hussein e Mu ‘ammar Gheddafi quando erano in punto di cadere: ostentare tranquillità e mostrare attraverso le immagini che tutto va bene.

LA FUGA – Ritornando alla cronaca è di oggi la notizia dell’addio del direttore sportivo, che ha salutato la squadra attraverso un lungo post su Facebook incassando anche un “mi piace” dal nuovo arrivato Emrick, “Ho fatto il possibile e anche oltre per cercare di gestire troppe situazioni nel migliore dei modi. Sono dell’idea che i panni sporchi si lavano in famiglia, quindi non rilascerò interviste o parlerò male della Puteolana, mai!”. Un “tra le righe” che dice praticamente tutto per L’ennesimo addio che lascia sempre più solo il presidente Emanuele Casapulla e il suo fedele ‘soldato’ Angelo Sessa.

LA NUOVA CORDATA – Intanto diversi personaggi che gravitano attorno al mondo del calcio minore si sarebbero fatti vivi per acquisire il titolo della Puteolana. Voci in città parlano anche dell’esistenza di una cordata composta da alcuni piccoli imprenditori pronta a trattare con Casapulla che, però, non sembra intenzionato a cedere.