POZZUOLI – Negli ultimi giorni le condizioni del mare lungo la costa hanno destato preoccupazione tra i bagnanti per la presenza diffusa di chiazze di schiuma maleodorante e rifiuti di vario genere. Numerose sono state le segnalazioni dei cittadini attraverso foto e video pubblicati sui social network. Oggi, sul sito dell’Arpac sono stati pubblicati gli esiti delle analisi condotte giovedì scorso sul tratto di litorale che va dal Dazio a Punta Epitaffio. Le indagini hanno dato esito sfavorevole solo nello specchio d’acqua che va dal Rione Terra alla prima parte di Via Napoli (Corso Umberto civ 189). In particolare, si sono registrate concentrazioni di enterococchi intestinali 10 volte superiori ai valori di soglia, mentre per l’escherichia coli il superamento è stato pari a 4 volte i valori limite. Nelle prossime ore, come richiesto dalle norme, dovrebbe arrivare l’ordinanza di divieto di balneazione temporaneo dal parte del Sindaco. Da prassi, le analisi saranno ripetute nei prossimi giorni e qualora gli esiti fossero favorevoli il divieto potrà essere revocato.

CUMA – LICOLA – Non sono ancora noti i risultati delle nuove analisi riguardanti il litorale di Cuma – Licola, che per il momento risulta essere interdetto alla balneazione su quasi tutto il tratto puteolano. Lo specchio d’acqua a cavallo delle foce degli alvei (Abbruzzese, Camaldoli, Quarto) è interessato da un divieto per tutta la stagione 2019, quello immediatamente a sud, denominato “Stazione Balneare”, risulta essere balneabile, mentre per il momento permane il “no ai tuffi” sul restante tratto di costa fino al Monte di Cuma.