foto-mensaPOZZUOLI – Una data sulla confezione di prosciutto cotto cancellata e sostituita ha alimentato preoccupazione e tensioni in una scuola di Pozzuoli. E’ accaduto in un istituto del I circolo didattico. Nell’occhio del ciclone è finita la ditta che gestisce il servizio della refezione scolastica per il comune di Pozzuoli. Secondo l’accusa dei genitori potrebbe essere stata “manomessa” la data di scadenza del prosciutto sulla confezione, cancellando quella “originale” (che risalirebbe a qualche mese fa) per sostituirla con quella del 18 ottobre 2016, giorno in cui è stato servito il pasto. Questa la prima ipotesi formulata su due piedi da chi ha letto l’etichetta sulla confezione di prosciutto cotto destinato ai bambini dell’asilo.

banner-di-bonitoSMENTITA – Una situazione che ha suscitato le forti proteste da parte dei genitori che chiedono lumi sulla vicenda. Ma la tesi secondo cui la data di scadenza del prodotto sarebbe stata manomessa è stata smentita categoricamente dall’azienda E.P. Spa, a cui ha chiesto chiarimenti l’assessore alla Pubblica Istruzione del comune di Pozzuoli Luisa De Simone. Secondo la versione fornita dall’azienda che prepara i pasti si sarebbe trattato di un errore in fase di etichettatura. «Purtroppo la segnalazione con relativa fotografia ci è pervenuta con ritardo e ciò non ha reso possibile da parte nostra un immediato sopralluogo – spiega l’assessore De Simone – dal canto nostro abbiamo comunque chiesto una relazione scritta all’azienda che ha assicurato sull’ integrità dell’alimento spiegando che si tratta di un errore in fase di etichettatura. Comunque restiamo in attesa di avere una relazione ufficiale».