POZZUOLI – Raid di camorra ieri sera nei 600 alloggi dove nel mirino dei sicari sarebbe finito uno dei figli di Silvio De Luca, detto “Silviotto”, da mesi irreperibile e ritenuto uno dei capi di una nuova banda criminale nata nel quartiere ed alleatasi con un clan di Bagnoli. Secondo il racconto di alcuni testimoni almeno un colpo di arma da fuoco sarebbe stato esploso nei pressi di una palazzina popolare, lungo la strada dove più volte sono finiti nel mirino dei sicari i pusher Michele Loffredo, detto “Fiet i cazetta”, Damiano Siddi alias “suariello” e dove fu gambizzato Roberto Del Sole.

IL RAID – L’episodio rientra nelle recenti tensioni nate nel quartiere e che starebbero interessando anche un gruppo attivo nel Rione Toiano, che a più riprese avrebbe “sconfinato” a Monterusciello. Sullo sfondo ci sono il controllo delle piazze di spaccio e le estorsioni ai commercianti che, nelle settimane scorse, hanno portato alla gambizzazione di Anthony Izzo, legato proprio ai De Luca.