POZZUOLI – Una lunga serie di proposte suddivise in tre capitoli: Incentivi e Sviluppo, Prevenzione e Buonsenso, Confronto e Produttività. E’ quanto hanno fatto 60 commercianti di Pozzuoli che nella giornata di oggi hanno messo nero su bianco e sottoscritto un documento inviato al sindaco Vincenzo Figliolia, al presidente del consiglio Luigi Manzoni, al presidente della II commissione Mariano Amirante e all’assessore alle attività produttive Maria Esposito. Tra le proposte ci sono: la richiesta dell’abolizione di tutte le imposte comunali dal 1 marzo 2020 fino al 1 giugno; la riduzione della tassa sui rifiuti del 75% per il periodo di tempo che va dalla riapertura dei locali fino al 31 dicembre 2020 con possibilità di proroghe; la riduzione della tassa sull’occupazione del 75% per il periodo di tempo che va dalla riapertura dei locali fino al 31 dicembre 2020 con possibilità di proroghe, e dove possibile un integrazione di occupazione di suolo, finalizzata a poter recuperare il numero dei coperti perso a causa delle direttive sulle restrizioni in campo di coperti per metro-quadro; Partecipazione economica comunale nel costo della sanificazione da fare al momento alla riapertura delle attività; riduzione della tariffa per il parcheggio sulle strisce blu , rendendola obbligatoria anche in fasce orarie prima esenti. Inoltre, per recuperare parte dei mancati soldi derivanti delle nostre tasse, una tassa d’imbarco simbolica a tutte le persone non residenti nel comune di Pozzuoli e dirette alle isole.

LA PREVENZIONE – In merito alla prevenzione i commercianti propongono di: attuare un programma di test sierologici per tutti gli addetti ai lavori, per la tutela della salute e la prevenzione del contagio. Tra i punti ci sono: il titolare dovrà garantire le normative di sicurezza all’interno dell’attività e sullo spazio dell’occupazione di suolo pubblico; i cittadini che consumano per strada cibi o bevande acquistate con “modalità d’asporto” devono essere gli unici responsabili della violazione della normativa sulla prevenzione. Inoltre propongono la sospensione momentanea della ZTL per consentire ai cittadini di
raggiungere le attività impegnate nella vendita d’asporto; lo snellimento burocratico sulle normative per avviare la vendita delivery; il ripristino degli orari precedenti sugli orari delle aperture e chiusura; e lo snellimento burocratico sulle normative per avviare la vendita delivery .

I CONFRONTI – Infine nel documento vengono richiesti momenti di confronti quali: un tavolo tecnico per la valorizzazione dell’economia del territorio tra istituzioni , operatori del settore e aziende appartenenti al mondo della filiera a km zero; tavolo tecnico amministrazione comunale, polizia municipale e operatori del settore per raccogliere punti
di vista, per prevenire contagi, ricercare e condividere soluzioni per il diritto alla vivibilità, al riposo, all’esercizio di attività economica, sulle normative dell’intrattenimento musicale, sullo svago notturno, sul prolungamento degli orari di chiusura dei parcheggi a sosta libera nelle aree del Molo Caligoliano e del Mercato ittico all’ingrosso di Pozzuoli.

I FIRMATARI
Abbascio u mar
Antica Vineria
Antimo e Diletta
Baia Marinella
Bar Chirico
Block Voutique
Boat House
Bob e Clare
Brontolone
Burger Beer
Caffè Latinos
Capo Horn
Chalet 2.0
Covo di Leo
Dal Tarantino
Dolce Momento
Dolci momenti
Don Antonio
Dry Hopping
Ego Sushi Bar
Exytus
Factory Bar Shop
Giggetta
Grida Cocktail bar
Hotel Darsena
Il Casale Bellavista
Il Gozzetto
Il ruco
Jainet Cafè
Kemar
L’angolo nascosto
L’Antico Molo
L’edera
La Cianciola
La Locanda dei Lazzari
La Pulperia
La Terrazza di donna
fortuna
Liquid house
Ludovico
Luna Rossa
Magn e famm sapè
n copp a terra
O Vajione
Parcheggio Masers
Piper Cafè
Pizzeche’e vase
Profumo di Caffe
Red Room
Rose e Crown
Skizzi di mare
Sky Line
Sneezy
Terrazza Mare Luna
Terrazza22
Tivoli
Trattoria La Campana
Ugo Music e Drink
Villa Damasco
Vini e Vinili
Zenith