In alto da sinistra: Ismeno e Postiglione In basso da sinistra: Monaco e Manzoni

POZZUOLI – Non si trova la quadra nel Pd. Dopo il “no” delle forze di coalizione alle primarie Gigi Manzoni ha presentato i propri alleati. Sono Campania Libera, che annovera in consiglio De Simone, Cossiga e Fenocchio; Spazio Flegreo degli ex assessori Morra e Stellato; e i movimenti civici Pozzuoli Siamo Noi e Progressisti per Pozzuoli. Quattro forze che hanno firmato un documento insieme alla parte del Pd che sostiene Manzoni: “Pozzuoli non ha bisogno di una guida eterodiretta né di atti di prepotenza e di tracotanza politica. In tale direzione sostengono la posizione assunta dai tanti che nel Pd chiedono il ricorso alle primarie”. Un muro contro muro che vede l’altra parte del Pd, quella che rigetta l’idea delle primarie in virtù del mandato ricevuto in estate dalla coalizione di centrosinistra e affidato al segretario del Pd, che ha contrapposto un documento sottoscritto da 3/5 dell’assemblea degli iscritti che dice no alle primarie.

ALTRI CANDIDATI – Nel frattempo il Movimento 5 Stelle ed Europa Verde attendono di capire quale sarà il loro futuro: i grillini aspettano l’ok dalla coalizione che sostiene Ismeno, mentre il partito ecologista, dato vicino a Manzoni, attende il direttivo in programma mercoledì per “decidere se aderire ad uno dei due percorsi che sembrano delinearsi nell’orizzonte del centrosinistra”. Un altro candidato a sindaco sarà il consigliere comunale Raffaele Postiglione, sostenuto dal proprio movimento Pozzuoli Ora a cui starebbe per aggiungersi una civica legata al movimento che fa capo al sindaco di Bacoli Josi Della Ragione, “Potere al Popolo” e una quarta lista. Infine avanza un “terzo polo” di moderati che vede come candidato a sindaco l’ex assessore provinciale Filippo Monaco sostenuto da Uniti Per Pozzuoli, Azione, Meridionalisti e diverse liste civiche.