Il Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli

POZZUOLI – I tempi più rapidi possibili per l’apertura del nuovo Pronto Soccorso e per l’entrata in attività dell’emodinamica, indispensabile per la gestione prematura dell’infarto e, in prospettiva, per trattare i pazienti con ictus. È questa la promessa che il Commissario Straordinario Antonio d’Amore e il Subcommissario Sanitario Luigi de Paola hanno fatto nel corso della loro prima visita all’ospedale di Pozzuoli. Il Santa Maria delle Grazie, infatti, è in una fase estremamente delicata del processo di trasformazione: le nuove infrastrutture puntano a consolidarne il ruolo di riferimento per un’utenza proveniente anche da altri territori e che trova qui un’adeguata risposta assistenziale.

POSITIVITA’ – «Ho ricevuto un’impressione estremamente positiva dalla mia visita al Santa Maria delle Grazie e dal dialogo con il Direttore Sanitario Anna Punzo e coi primari dei diversi reparti – dice il Commissario Antonio d’Amore – Ho trovato qui grandi risorse professionali e infrastrutturali, ma occorre programmare con attenzione l’avvio del nuovo Pronto Soccorso e della struttura di emodinamica. In questa fase pianificare le risorse umane e tecnologiche occorrenti è essenziale per non fare passi falsi; per questo ho chiesto a tutti di lavorare nella massima collaborazione».

EMODINAMICA E PRONTO SOCCORSO – I Commissari hanno chiesto ai responsabili dell’ospedale e dei reparti di presentare i piani operativi per avviare l’attività di emodinamica e quella del nuovo Pronto Soccorso nella prima parte del prossimo anno. Il centro di emodinamica e interventistica cardiovascolare del Santa Maria delle Grazie sarà l’unico dell’ASL Napoli 2 Nord e tra i pochi attivi in provincia di Napoli. La nuova struttura di Pronto Soccorso, invece, per come è configurata (sale di attesa differenziate, apparecchiature radiologiche interne al Pronto Soccorso, posti letto di Osservazione Breve Intensiva) si propone come un modello tra i più avanzati in Campania.