cozze_ccPOZZUOLI – Oltre due tonnellate di frutti di mare che con ogni probabilità sarebbero finiti sulle tavole durante le festività natalizie. E’ quanto hanno scoperto i carabinieri del Nucleo navale nelle acque di Pozzuoli, nello specchio al confine con Bagnoli. Si tratta in particolare di cozze, allevate abusivamente attraverso venti filari parzialmente sommersi.

CONTROLLI SANITARI – A bordo della motovedetta “804 Garofalo” i militari hanno operato assieme al personale del distretto 25 dell’Asl Napoli 1. I mitili sono stati in parte controllati per individuare particolari batteri come escherichia coli, epatite a, salmonella, norovirus ed altri. La parte restante è stata invece trainata al largo e distrutta mediante affondamento. I controlli con la stessa motovedetta hanno poi permesso di individuare diversi casi di pesca abusiva, effettuata in orari notturni senza l’uso delle segnalazioni luminose. In alcuni casi sono state trovate imbarcazioni che a bordo senza le previste dotazioni di sicurezza, alcune persino senza estintori.