Home Politica POZZUOLI/ Manzoni e i promessi assessori: lo schema c’è, la quadra non ancora

POZZUOLI/ Manzoni e i promessi assessori: lo schema c’è, la quadra non ancora

0
POZZUOLI/ Manzoni e i promessi assessori: lo schema c’è, la quadra non ancora

POZZUOLI – Lo schema c’è, la quadra non ancora. Un classico, come i “maldipancia” e le giacchette tirate alla vigilia della composizione della nuova giunta. La prima dell’era Manzoni. Il sindaco è alla ricerca di un equilibrio, al momento ancora precario. Diversi sono i nodi da sciogliere a meno di dieci giorni dalla nomina degli assessori e del presidente del consiglio, ruolo quest’ultimo per il quale, ad oggi, è nettamente in vantaggio Mimmo Pennacchio (Pozzuoli Democratica) in virtù di una richiesta di “passo indietro” avanzata dal sindaco a Gennaro Pastore (Uniti per Pozzuoli) e Sandro Cossiga (Pozzuoli Libera).

Salvatore Caiazzo

GLI ASSESSORI – Ma la partita più difficile, ovviamente, è in corso per la nomina dei sette assessori. Ed è qui che gli equilibri rischiano di vacillare. Manzoni ha promesso di presentare la Giunta entro e non oltre una settimana, non vuole ripetere quanto fece il suo predecessore che dieci anni fa nominò gli assessori a poche ore dalla conferenza stampa di presentazione e 5 anni fa assegnò sei poltrone su sette. Uno dei “problemi” da risolvere è interno a Pozzuoli Democratica dove due figure storiche attendono la cosiddetta “visibilità”: sono i “fedelissimi” di Manzoni Franco Cammino e Salvatore Caiazzo. Se per il primo le speranze di entrare in Giunta sono ridotte al lumicino, diverso è il discorso per Caiazzo a cui sono legate le sorti della prima dei non eletti Tiziana Genovese: con Caiazzo assessore, Genovese approderebbe in consiglio comunale. Ipotesi che, però, rischierebbe estromettere Giacomo Bandiera, profilo di spessore dato in Giunta in quota sindaco.

Cossiga e Fenocchio

LE DELEGHE – Tra le poche certezze c’è invece il nome di Filippo Monaco, leader di “Uniti per Pozzuoli” a cui sarà assegnata la poltrona di vice sindaco con deleghe a Turismo, Sport e Spettacolo. Insieme a lui, come “quota rosa” del movimento che ha portato in consiglio comunale 3 consiglieri (Pastore, Di Dio e Guardascione) è stato avanzato il nome dell’avvocato Alba Lasorella, seconda dei non eletti di “Uniti per Pozzuoli” alla quale andrebbe la delega all’Ambiente. A “Pozzuoli Libera”, l’altra lista forte della coalizione, vanno altri due assessori, individuati nelle figure di Lydia De Simone (già assessore nella giunta Figliolia) e Antonio Bonaiuto, a cui andrebbe la delega ai Lavori Pubblici.

Vittorio Festa

LE DONNE – Alla De Simone andrebbe la delega alle politiche sociali e il suo eventuale ingresso in Giunta aprirebbe le porte del consiglio comunale ad Arcangelo Pisano. Insieme ai nomi di Lasorella e De Simone si fa insistente anche quello di Titti Zazzaro, prima degli eletti nella lista dei Verdi e profilo gradito all’attuale squadra di governo. Qualora dovesse accettare, Zazzaro con le dimissioni da consigliere permetterebbe a Enzo Pafundi (primo dei non eletti) di entrare in consiglio comunale. Infine, avanza la candidatura di Vittorio Festa a cui andrebbe la delega all’Istruzione: con l’ex preside in Giunta scatterebbe una poltrona in consiglio per Carlo Morra.

Luxury Chic
Spazio disponibile
Testa Slot
Non Pesa
Thun Pozzuoli
Lovable Pozzuoli
Lovable Pozzuoli
Nello Savoia Sindaco di Bacoli
Antica Pasticceria Del Giudice
Nina Shoes & Bags
Giosi Ferrandinoi
Allianz Di Bonito
De Vizia