POZZUOLI – Il Tar della Campania ha dato ragione ai genitori del centro dell’Autismo di Pozzuoli che hanno vinto la loro battaglia contro la chiusura della struttura di via Campana, prevista per la prossima settimana. Assistiti dagli avvocati Maria Cristallino e Michela Franzese, con un’ ordinanza depositata stamane, la V sezione del Tribunale Amministrativo della Campania ha disposto la sospensione degli atti ritenendo “sussistendo il prospettato pericolo di pregiudizio grave e irreparabile”. Una battaglia iniziata nei mesi scorsi dopo la decisione da parte dell’ASL Napoli 2 Nord di trasferire la struttura e i servizi fuori dalla città di Pozzuoli.

LA MOBILITAZIONE – Numerosi gli appelli e le manifestazioni anche parte degli operatori del centro che ospita circa 60 giovani. Una decisione che aveva fatto preoccupare non poco i genitori per le gravi conseguenza che l’eventuale chiusura avrebbe avuto sui figli, ormai abituati da anni alle cure del centro. Genitori che nelle settimane scorse avevano presentato un ricorso al Tar per scongiurare la chiusura del centro, accolto dal Tribunale amministrativo che questa mattina, attraverso un’ordinanza, sulla base del “principio inderogabile della continuità del servizio assistenziale”, ha scongiurato la chiusura del centro prevista per il 30 novembre.