Una pattuglia della Municipale pochi minuti dopo l'aggressione in via Largo EmporioPOZZUOLI – Una versione dei fatti che stride con la “verità ufficiale”, un particolare non da poco che aggiunge molto a una storia comunque a lieto fine. Riguarda il ritrovamento del portafogli in Largo Emporio a Pozzuoli, venuto agli onori della cronaca nelle ultime 24 ore. Ebbene alla versione “ufficiale” che vuole due agenti di Polizia Municipale trovare il portafogli con soldi e documenti e restituirli al legittimo proprietario, si contrappone una versione dei fatti decisamente diversa. A raccontarla a Cronaca Flegrea è Gennaro M., giovane puteolano che si trovava in compagnia di colui che “realmente” ha trovato portafogli e soldi e li ha consegnati agli agenti in pattuglia nella zona.

IL RACCONTO – «Il portafogli l’ha visto e raccolto da terra un mio amico, davanti ai miei occhi e l’ha subito consegnato ai vigili che erano a 2 metri in macchina proprio di fronte. – racconta Gennaro M. – si vedeva benissimo dalla loro vettura. Inoltre i vigili hanno compilato il verbale con i dati di questo ragazzo e si sono presi anche il numero chiedendo a questa persona il permesso di fare il suo nome nel caso “il giornalista lo chieda” e di farlo presente anche al proprietario per eventuali ringraziamenti. C’erano – conclude – altre 3 persone con noi che hanno assistito al tutto». 

L’ENCOMIO – E forse è proprio a questo giovane che andrebbe conferito quell’encomio che il sindaco di Pozzuoli vorrebbe dare ai due agenti i quali non hanno fatto altro che ricevere il bene ritrovato e rintracciare il legittimo proprietario.