michelangelo luongoPOZZUOLI – «Il sindaco non ha cacciato nessuno, ha solo fatto delle deduzioni in seguito al comportamento tenuto da Visconti che non aderendo al documento si è tirato fuori» ha affermato pochi minuti fa Michelangelo Luongo, consigliere di SEL, che contraddice Raffaele Visconti su quanto avvenuto in serata durante la riunione di maggioranza (rinviata poi a mercoledì) «SEL è saldamente legata a questa maggioranza che sostiene pienamente – ha aggiunto Luongo – mentre la posizione di Visconti, che si è autoproclamato capogruppo, è minoritaria rispetto a quella del partito». Parole che confermano ormai una insanabile spaccatura all’interno del partito che da stasera si ritrova ufficialmente con due anime contrapposte, un capogruppo (non riconosciuto dal compagno di partito) che passa all’opposizione con l’altra metà che resta in maggioranza.

marchetti
Maurizio Marchetti, segretario cittadino di SEL

CACCIATA SMENTITA – Ma a gettare benzina sul fuoco ci ha pensato anche Maurizio Marchetti segretario di una delle due sezioni (quella di Pozzuoli) di Sinistra Ecologia e Libertà: «SEL resta in maggioranza, ha sottoscritto il documento e smentisco la cacciata di Visconti che fa parte di una delle tre correnti del partito composte da lui, noi e Angelo Lucignano».