di Angelo Greco

I lavoratori HP fuori il Comune di Pozzzuoli
I lavoratori HP fuori il Comune di Pozzuoli

POZZUOLI – Nulla di fatto nell’incontro al Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) fra l’Hp e i dipendenti in sciopero dello scorso 20 luglio. L’Hp non vuole rinunciare né alla dismissione di Pozzuoli né tantomeno rinunciare al passaggio di 130 dei 161 dipendenti della sede di Agnano alla Matic Mind. A nulla dunque è valso per ora l’interessamento di istituzioni quali il Comune di Pozzuoli e il Comune di Napoli che si erano detti preoccupati in termini di perdita sia del livello occupazionale sia per la scomparsa di un’altra eccellenza sul territorio flegreo. Né tanto meno è servita la mediazione del MISE

 

IN SCIOPERO DAL 9 LUGLIO – Sono giunti dunque al quindicesimo giorno di sciopero consecutivo (sono in protesta dal 9 luglio) tutti i lavoratori Hp, che in un comunicato stampa diffuso in queste ore dichiarano: “L’Hp ha confermato il trasferimento individuale di 130 dipendenti verso la Matic Mind ed il trasferimento degli altri 31 presso altra sede, i lavoratori Hp continuano lo sciopero ad oltranza finché non giungerà un segnale di apertura da parte della multinazionale americana”.

 

NO ALLA MATIC MIND – A destare la maggiore preoccupazione ai lavoratori è la cessione dei 130 dipendenti alla Matic Mind. I sindacati infatti non vedono di buon occhio l’azienda cbe nei piani della multinazionale americana deve assorbire con contratto individuale i 130 lavoratori. L’azienda in questione infatti non avrebbe la struttura economica adeguata per garantire la stabilità lavirativa ai fuoriusciti Hp. Infatti la Matic Mind sta già operando in regime di contratti di solidarietà. Sarà dunque un’estate caldissima per i lavoratori.