Home Cronaca POZZUOLI/ Costringeva le dipendenti a rapporti sessuali: condannato imprenditore “orco”

POZZUOLI/ Costringeva le dipendenti a rapporti sessuali: condannato imprenditore “orco”

0
POZZUOLI/ Costringeva le dipendenti a rapporti sessuali: condannato imprenditore “orco”

tribunale_napoliPOZZUOLI – E’ stato condannato a 6 anni e 6 mesi di carcere il direttore della filiale di un mega store di articoli per la casa e bricolage arrestato nell’agosto del 2014 a Licola per violenze sessuali ai danni delle sue dipendenti. Nei confronti del 54enne di Giugliano il Pubblico Ministero Immacolata Sica aveva chiesto 7 anni di carcere: pena accolta quasi in pieno dai giudici del Tribunale di Napoli, che hanno confermato l’impianto accusatorio e i gravi indizi di colpevolezza nei confronti dell’imputato. La sentenza è arrivata dopo due ore di camera di consiglio.

LE VITTIME – Due le vittime, due giovani dipendenti del megastore (che pochi mesi fa ha chiuso i battenti in via Montenuovo Licola Patria), che hanno avuto il coraggio di denunciare abusi e violenze nei loro confronti. Le due giovani (difese dagli avvocati Sofia Lombardi e Carmela Scarpato) diedero il via a una minuziosa e delicata indagine condotta dai carabinieri della stazione di Licola, diretti dall’ex comandante Pietro De Stasio e dall’attuale comandante Antonio Spiridone, che portò il GIP del Tribunale di Napoli ad emettere nei confronti del 54enne un’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

L’ACCUSA – Gravi le accuse mosse dalle dipendenti nei confronti dell’uomo. Le vittime raccontarono di essere state rinchiuse nei locali del negozio di Licola e costrette ad avere rapporti sessuali. Una storia che sarebbe andata avanti per almeno quattro mesi e che coinvolse anche una terza donna. Infatti, oltre agli abusi sessuali nei confronti delle due ragazze, a carico dell’imprenditore c’era anche una tentata violenza sessuale nei confronti di un’altra dipendente del medesimo Megastore.

LE INDAGINI – In particolare il provvedimento restrittivo emesso dalla Procura di Napoli scaturì da indagini condotte dai militari della stazione di Licola che consentirono di documentare episodi di violenza sessuale consumati da aprile a luglio 2014 nei confronti delle due giovani dipendenti del centro e una tentata violenza sessuale nei confronti di un’ altra dipendente, tutte avvenute all’interno della filiale di Licola.

SODDISFAZIONE – «Siamo soddisfatte della sentenza perchè è stato confermato l’impianto accusatorio e il Giudice ha accolto le richieste del Pubblico Ministero, – ha affermato l’avvocato Carmela Scarpato, rappresentante dell’associazione donne vittime di violenze – ciò ci fa ben sperare per il processo di Appello».

Luxury Chic
Spazio disponibile
Testa Slot
Non Pesa
Thun Pozzuoli
Lovable Pozzuoli
Lovable Pozzuoli
Nello Savoia Sindaco di Bacoli
Antica Pasticceria Del Giudice
Nina Shoes & Bags
Giosi Ferrandinoi
Allianz Di Bonito
De Vizia