cadavere ex ospedale (8)POZZUOLI – Omicidio, suicidio o morte naturale? E’ ancora giallo sul ritrovamento del cadavere di un uomo nell’ex ospedale di via San Gennaro Agnano a Pozzuoli. Il corpo, in avanzato stato di decomposizione (forse era lì da 5-6 mesi), è stato rinvenuto venerdì mattina da alcuni giardinieri ai piedi dell’edificio da tempo abbandonato e diventato dimora per disperati e clochard. Un’area di degrado assoluto che sorge accanto all’istituto alberghiero “Petronio”. E a terra, tra avanzi di cibo, indumenti abbandonati, sterpaglie, dove l’aria è infestata da una puzza insopportabile che fa temere la presenza di altri cadaveri tra le sterpaglie, che alcuni operai della Provincia di Napoli hanno trovato quel corpo che sembrava bruciato. Sul caso indagano gli agenti del commissariato di Polizia di Pozzuoli diretti dal vicequestore Pasquale Toscano che hanno effettuato i rilievi insieme agli uomini della Scientifica.

cadavere ex ospedale (9)
Il punto dove è stato trovato il cadavere

CADAVERE SENZA NOME – “Cadavere sconosciuto” c’è scritto negli atti dell’indagine avviata dalla Procura di Napoli. Si indaga in quel mondo di disperazione e degrado dal quale forse proveniva quell’uomo di cui non si conosce ancora l’identità. Lumi potranno arrivare dall’esame del Dna e dall’autopsia che potranno dare un nome a quel corpo e un perchè a quella morte. E tante sono le domande a cui si cerca di dare una risposta: possibile che in un luogo frequentato da tanti clochard nessuno, in 5-6 mesi, abbia visto quel cadavere? E cosa ci faceva sotto quella finestra al piano terra dell’edificio “abitato” da disperati? Cosa ha causato quella morte? Forse un litigio tra clochard? Nulla viene escluso, nemmeno l’inquietante ipotesi che qualcuno abbia gettato quel corpo dai piani alti dell’edificio lasciandolo poi marcire per mesi tra erbacce e rifiuti.

LE FOTO (di Angelo Greco)