di Gennaro Del Giudice

L'aula della "Domenico Fatale"
L’aula della “Domenico Fatale”

POZZUOLI – Bambini “traslocati” e portati in «un’aula deposito piena di mobili è suppellettili». E’ l’accusa dei genitori dei piccoli della materna “Domenico Fatale” che da martedì non mandano più i loro figli a scuola. Al plesso di via Napoli i genitori dei piccoli della sezione A hanno praticamente ritirato i propri figli da scuola in segno di protesta chiedendo un’ispezione da parte dell’Ufficio Scolastico regionale di Napoli.  I fatti – descritti in una lettera con in oggetto “Denuncia gravi inadempienze e richiesta di intervento” – risalgono allo scorso 1 dicembre quando all’interno dell’istituto è stato effettuato un cambio di aula con i piccoli trasferiti in un locale dove erano stipati mobili, suppellettili e, a detta dei firmatari, “senza preavviso”  ed “esponendoli a rischi per la loro incolumità”.

 

La denuncia firmata dai genitori
La denuncia firmata dai genitori

LA DENUNCIA DEI GENITORI – “Il dirigente scolastico ha provveduto al cambio di classe dei nostri figli. Detto intervento è stato effettuato in presenza dei bambini, infatti il personale della scuola ha spostato mobili, suppellettili ed ogni cosa presente nell’aula senza attenersi ad alcuna norma in materia di sicurezza e nello sconcerto dei bambini e del personale docente. – denunciano i firmatari della lettera inviata anche alla dirigente scolastica Angela Palomba – Solo casualmente siamo venuti a conoscenza di quanto stava accadendo e chi ha potuto si è recato presso la scuola per riportare i propri bambini scossi da quanto accaduto a casa. L’accaduto ha traumatizzato i bambini presenti lasciando nello sconcerto noi genitori che pur non essendo organici all’Istituzione Scolastica crediamo che certe cose debbano essere fatte seguendo regole in particolare. Nessun avviso – scrivono i genitori – è stato a noi indirizzato per informarci di quel che era stato deciso altrimenti avremmo potuto liberamente decidere se mandare o meno i nostri figli a scuola senza esporli al rischio a cui sono stati esposti in un luogo dove dovrebbero essere protetti;  Il 2 dicembre 2014 abbiamo constato che i bambini sono stati posteggiati in una classe-deposito spoglia di qualunque addobbo, con arredi e materiali messi alla rinfusa, stracolma di banchi dove è impossibile qualunque attività motoria e che sicuramente non è conforme al principio di Accoglienza previsto per la scuola dell’infanzia, lasciamo a voi immaginare in materia di sicurezza cosa potremmo dire ma abbiamo preferito riportare a casa i nostri bambini piangendo per non esporli ad ulteriori traumi. Infine, da un puto di vista burocratico non siamo a conoscenza di deliberazioni del Consiglio di Circolo in merito, che a quanto sembra è necessaria per cose di questo tipo. Chiediamo un intervento  per verificare con un’ispezione quanto da noi denunciato e prendere provvedimenti disciplinari opportuni nonché imporre al personale del plesso il ripristino di condizioni di accoglienza adeguate per i nostri. Bambini”.

 

LA RISPOSTA – «Martedì prossimo verificheremo l’agibilità dell’aula e in base agli interventi che ci sono stati assicurati decideremo se lasciarli in classe oppure riportarceli a casa» – spiega Fiorenzo Massaro, rappresentante dei genitori della sezione A del plesso Domenico Fatale. Accuse a cui arriva la secca replica della dirigente scolastica Angela Palomba «Non so di cosa si tratta, non mi è pervenuto nulla, quando mi è arriverà la lettera, che mi sembra inadeguata, darò una risposta».