RIONE SORRENTOSORRENTO – Ci ha provato il Rione Terra Pozzuoli Volley contro la Folgore Massa. I gialloblù ci hanno messo il cuore e la determinazione ma soprattutto la voglia di dimostrare che il successo contro il Locorontondo di una settimana fa non era un caso. Alla fine hanno avuto la meglio i padroni di casa che hanno vinto per 3-0 anche se il risultato è fin troppo severo per quello che i puteolani hanno fatto vedere in mezzo al campo. Nel primo set a fare la differenza in favore dei costieri è stata la battuta. Pozzuoli non riesce a controbattere e inizia anche a scricchiolare a muro dove i gialloblù denotano più di qualche incertezza. Palmieri per i locali fa pentole e coperchi e la Folgore Massa s’impone per 25-18. Nel secondo parziale il Rione Terra Volley cerca di riaprire il match. Palumbo nel ruolo di opposto e Di Napoli come post quattro si danno da fare e rispondono per le rime agli avversari. La gara è equilibrata e i flegrei danno del filo da torcere ai padroni di casa. Poi, però la Folgore Massa mette a terra il punto del 25-22 che in pratica le consegna anche il secondo set. Nel terzo coach Costantino Cirillo cerca di strigliare a dovere la sua squadra per cercare di portare a casa almeno un punto. Ma nonostante i buoni propositi il Rione Terra Volley non riesce nel suo intento con i costieri che vincono per 25-21 e si aggiudicano il match. Da sottolineare che a poche ore prima del match i gialloblù hanno dovuto rinunciare a Bruno per un problema ad una spalla.
INTERVISTE –  «E’ stata una gara che è stata decisa dalla battuta nella prima parte dalla squadra di casa – spiega coach Costantino Cirillo -, e poi dal problema del nostro muro che ci portiamo indietro da inizio campionato. Non riusciamo a trovare una soluzione a questo problema che sta condizionando la nostra stagione. Non ho nulla da rimproverare alla squadra perché hanno dato il massimo. Certo con un briciolo di fortuna in più potevamo forse portare a casa almeno un punto. Loro sono stati più bravi di noi, merito quindi ai nostri avversari che hanno vinto. Ora ci aspettano sette gare al termine della stagione regolare dove ci giocheremo il nostro futuro e la permanenza in serie B2. Domenica prossima giocheremo in casa contro la Capitanata Foggia, una squadra che come noi gioca per salvarsi. Noi non dobbiamo guardare la classifica e sappiamo che in casa dobbiamo trovare un’altra vittoria. Possiamo vincere al Pala Errico e abbiamo la consapevolezza di poterci riuscire. In settimana guarderemo gli errori commessi in quest’ultima partita e prepareremo al meglio il match contro i pugliesi».