cirlloPOZZUOLI – Voleva una reazione il presidente Coratella alla vigilia della sfida contro la capolista Ottaviano. E la squadra quella reazione di orgoglio l’ha avuta aldilà del risultato che ha visto vittoriosi i vesuviani per 0-3. Ma di fronte c’era la prima della classe con diversi giocatori di categoria superiore. Per il Rione Terra Pozzuoli Volley è la sesta sconfitta consecutiva ma nel gioco di squadra e nel complesso i puteolani hanno dimostrato di essere vivi. Nel primo set dopo l’equilibrio iniziale l’Ottaviano si porta sul 5-8. Il vantaggio di tre lunghezze rimane invariato anche se i gialloblù tengono testa ai forti avversari (13-16). Nel finale di periodo gli ospiti mettono a terra i punti che gli consente di fare loro il set per 21-25. Nel secondo il Rione Terra Volley parte bene ma Ottaviano si porta avanti (6-8). Coach Cirillo chiama time out per cercare le giuste trame per cercare di limitare gli schiacciatori avversari. Ottaviano però a metà set è sempre avanti (12-16) e nel finale trova i punti che chiudono il set con medesimo punteggio del primo (21-25). Il tecnico puteolano a questo punto striglia a dovere i suoi e alla ripresa del terzo periodo Pozzuoli parte a razzo facendo paura alla capolista (8-5). Della Monica e compagni cercano di allungare la partita ma Ottaviano recupera e riesce prima a rimontare e, poi, a portarsi avanti (13-16). I puteolani a questo punto cedono con Ottaviano che vince il set per 20-25 e porta a casa il successo.

POST PARTITA – «Sono soddisfatto della prova della mia squadra aldilà della sconfitta – spiega coach Costantino Cirillo -. Nel primo e nel secondo set ho visto giocatori in campo psicologicamente bene. Di fronte avevano Ottaviano che sarebbe prima con questi giocatori anche in B1. Gente come Montò e Canzanella sono di altra categoria e lo hanno dimostrato. Noi abbiamo tentato di batterli ma non ci è andata bene. Prova positiva ma d’ora in poi dovremo essere concreti e ci servono assolutamente i punti per uscire da questa situazione di classifica. Vacchiano che ho inserito dall’inizio ha giocato bene, così come Di Napoli. Nel prossimo match andiamo in casa del Marigliano che è secondo ma con il gruppo che ho visto in campo stasera e mettendoci la stessa intensità agonistica e determinazione credo che potremo dire la nostra. Per noi le prossime gare saranno tutte delle finali».