RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO – «Egregio Direttore, La contatto per mostrarle lo stato di abbandono in cui versano le foci che collegano il mare con il lago Fusaro; non ho avuto modo di fotografare tutto il percorso per ostacoli di varia natura. Infatti nel passeggiare lungo la “pista ciclabile” si possono notare rifiuti di ogni genere, da quelli pesanti, materiali organici nocivi per la salute dei cittadini ma anche per la salute degli animali che vivono il loro habitat naturale. Ho visto delle foto dove si evidenziava il lavoro di pulizia del lago (un lavoro encomiabile da parte dei volontari, per carità), ma a cosa serve se poi il passaggio con il mare aperto è ostruito? Se non c’è un ricambio naturale delle acque? Sono anni oramai che dovrebbero essere dragate ma per ora nulla e le lascio immaginare questa situazione quali effetti abbia sull’aria che si respira nei dintorni, oltre alla presenza di zanzare e ratti. Vediamo sempre lo “show” delle pulizie delle strade come se fosse una cosa straordinaria e tralasciamo problemi seri per l’incolumità dei residenti: che amarezza. Grazie per l’ospitalità».