depuratore di Cuma.6
Uno scenario vergognoso quello che si presenta al depuratore di Cuma

di Violetta Luongo
POZZUOLI –
Acqua grigia e fetida, questa la vista del depuratore di Cuma, ripresa da un cittadino di Villaricca e diffusa sul web. Il video ha subito spaventato e indignato tutti. «E’ uno scempio – dice arrabbiato e disgustato Biagio Di Francesco, autore del video – non è possibile che a Tropea, che è sempre bagnata dal mar Mediterraneo, l’acqua è cristallina e qui invece si rischiano le malattie. Oltre a puzzare in maniera nauseabonda da qui escono anche rifiuti solidi come assorbenti e altro. La gente a poca distanza si fa il bagno, è una vergogna».

IL VIDEO HA INDIGNATO IL WEB – L’autore delle riprese, sul suo profilo Facebook, ha lanciato un appello alle Istituzioni affinché facciano qualcosa. In migliaia a condividere e commentare quello che appare un vero e proprio scandalo, acqua putrida che sfocia a mare nello stesso mare, a pochi chilometri di distanza, dichiarato dall’Arpac balneabile. «Andai a vedere il depuratore di Sperlonga, lì l’acqua esce pulita, non dico che si possa bere ma almeno pulita. Che fine fanno tutti i soldi investiti per la depurazione, come è possibile che allo sfocio di Licola, vicino agli scavi archeologici di Cuma ci sia questa situazione e che nessuno faccia nulla. Per senso civico ed umano non posso rimanere fermo, domani andrò dai carabinieri di Giugliano con il video per denunciare tutto questo», conclude Di Francesco.

FA RIFLETTERE – Tra coloro che hanno diffuso il video anche i Verdi. «Ecco come funziona la depurazione delle acque in Campania – raccontano Francesco Emilio Borrelli dei Verdi e Gianni Simioli della Radiazza – un cittadino Biagio Di Francesco è andato a riprendere la foce del depuratore di Cuma perché si sentiva una puzza spaventosa. Il video è sconvolgente e fa riflettere sullo stato dei depuratori in regione e su cosa scaricano a mare. A Cuma l’acqua che esce dal depuratore è marrone ed è fetida. Ovviamente sullo sfondo ci sono gli allenamenti abusivi dei cavalli degli ippodromi abusivi».

IL VIDEO

LE FOTO

 

[cronacaflegrea_slideshow]