POZZUOLI – La villa comunale di Pozzuoli sarà intitolata al poliziotto Pierluigi Rotta. La cerimonia pubblica nel piazzale antistante il commissariato di polizia si terrà mercoledì mattina alle 11 per rendere omaggio all’agente scelto caduto in servizio due anni fa. All’evento prenderanno parte il capo della polizia di Stato, il direttore generale della Pubblica Sicurezza, Lamberto Giannini; il sindaco di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia; l’assessore Antonio Minieri; la presidente della commissione per la Toponomastica Mena d’Orsi e gli altri componenti dell’organismo comunale, oltre ai familiari, ai colleghi e agli amici dell’indimenticato Pierluigi. Prevista anche la partecipazione straordinaria della Fanfara della polizia diretta dal M° Secondino De Palma che si esibirà insieme al coro degli alunni delle scuole di Pozzuoli.

LA TRAGEDIA – Rotta rimase ucciso nel corso di un conflitto a fuoco nella Questura di Trieste insieme al collega Matteo Demenego di 31 anni. Erano le 16:53 del 4 ottobre 2019 quando i due giovani agenti di polizia furono strappati alla vita e alle loro famiglie. Pierluigi, Medaglia d’oro al Valor Civile, era figlio di un poliziotto ora in pensione. Prima di essere trasferito a Trieste, il 34enne aveva anche lavorato al commissariato di Pozzuoli, come suo padre Pasquale.