POZZUOLI – Dopo l’aggressione avvenuta ai danni di un infermiere del pronto soccorso dell’ospedale di Pozzuoli cresce il malumore tra gli addetti ai lavori. «Non se ne può più, lavoriamo al servizio della gente e ci tocca rischiare la vita» è lo sfogo di un collega dopo i fatti di domenica scorsa quando, in mattinata, il fratello e l’amico di un giovane rimasto ferito in un incidente stradale hanno preso a calci e schiaffi un infermiere all’interno della sala d’attesa del pronto soccorso del “Santa Maria delle Grazie”.

FERMATI E DENUNCIATI – I due, poco prima, erano stati invitati dalla vittima ad uscire fuori per la presenza di un caso di covid. Invito che ha scatenato le violenze. Per fermarle è stato necessario l’intervento delle guardie giurate in servizio presso l’ospedale e dei militari dell’esercito che hanno bloccato gli aggressori e li hanno consegnati ai carabinieri. I due, entrambi di Bacoli, sono stati denunciati. L’infermiere è stato costretto a ricevere le cure dei sanitari.