POZZUOLI – Giovanni Broscritto, 28 anni, infermiere di Pozzuoli, sarà uno degli operatori dell’ospedale Cotugno che la Figc ringrazierà per l’impegno profuso nella lotta contro il Covid19. Giovanni per aiutare la propria città durante la pandemia, nei mesi scorsi aveva rinunciato a un contratto a tempo indeterminato a Bologna. «In occasione della semifinale di Coppa Italia, Napoli-Inter, che si disputerà al San Paolo sabato sera, la Figc ricorderà le vittime del Covid 19 con un minuto di silenzio. Si ringrazierà il personale sanitario che, in questi mesi, si è impegnato in prima linea in questa battaglia. Simbolicamente saranno presenti sul campo di gioco, prima di Napoli-Inter, alcuni operatori del Cotugno e dell’Azienda Ospedaliera dei Colli». Lo dice Maurizio di Mauro, direttore generale.

TESTIMONIAL – «In rappresentanza di tutto il personale dell’azienda, ma anche di tutti quelli che sono stati impegnati in questi lunghi mesi in Campania – spiega di Mauro – saranno al San Paolo prima di Napoli-Inter, Rodolfo Punzi, direttore del dipartimento di Malattie infettive e urgenze infettivologiche dell’Azienda Ospedaliera dei Colli; Giovanni Broscritto, infermiere e, in rappresentanza del comparto amministrativo, Lara Natale, provveditore dell’Azienda ospedaliera dei Colli. Ringrazio la Figc che, con questo gesto, ha voluto, in occasione della ripresa delle partite, con Napoli-Inter ricordare chi in questi mesi si è battuto e continua ad essere in prima linea nei presidi ospedalieri».