Carte d'identità e timbri sequestrati dai carabinieri
Carte d’identità e timbri sequestrati dai carabinieri

MELITO – Avevano rubato carte d’identità e timbri dall’ufficio anagrafe. In due sono stati arrestati dai carabinieri delle compagnie di Giugliano e Castello di Cisterna per furto aggravato: si tratta di Rosaria Altieri, 20 anni, domiciliata a Melito di Napoli, incensurata e Giuseppe Barretta, 34 anni, residente anch’egli a Melito in via Atene. I militari dell’arma, intervenuti nottetempo su via degli Oleandri a Casalnuovo, immediatamente dopo che ignoti, dopo aver forzato la porta e il cancello d’ingresso della sezione distaccata dell’ufficio anagrafe del comune, avevano rubato 2 timbri a secco, denaro contante e numerose carte d’identità in bianco che erano custodite in una cassaforte che è stata forzata utilizzando una fiamma ossidrica, hanno subito avviato le indagini e le ricerche in zona.

 

L’ARRESTO – I carabinieri, che nel frattempo avevano coperto le principali vie di fuga, a Melito di Napoli, in piazza Santo Stefano, hanno intercettato una fiat punto con a bordo la coppia, che hanno fermato per controlli e sottoposti a perquisizione, durante la quale stati trovati in possesso dei 2 timbri a secco appena rubati all’ufficio anagrafe del comune di Casalnuovo, 17 euro in monete, una fiamma ossidrica e vari arnesi atti allo scasso. Proseguendo le indagini, i militari dell’arma a Melito, in via Lavinaio, sopra un contatore dell’energia elettrica, in area condominiale, hanno rinvenuto le 270 carte d’identità e i 610 euro, in denaro contante, che erano stati rubati negli uffici del comune di casalnuovo. Gli arrestati, dopo le formalità di rito, sono stati accompagnati nelle loro abitazioni agli arresti domiciliari in attesa di rito direttissimo.