di Roberto Volpe

Un'opera in esposizione
Un’opera in esposizione

POZZUOLI – Si è svolta il 24 Aprile la prima delle due serate intitolate “Luci e colori”, aventi al centro la pittura e la fotografia, presso l’associazione culturale Lux In Fabula, punto di ritrovo per artisti e scrittori dell’area flegrea. Protagonista della serata è stata la pittura di Luca Castellano, in arte Lu Astell, artista nato a Napoli il 9-2-1975, diplomato al Liceo Artistico Boccioni nel ’94. Castellano inizia la sua carriera lavorativa come grafico pubblicitario, nel 2001, per poi, sette anni dopo, decidere di dedicarsi anche alla pittura, rifacendosi allo stile dei writers, della street-art, dei graffiti, e,  in genere, di tutta quell’ arte che lavora in grandi spazi, cercando di riportare la sua carica ed emotività nel formato più piccolo di una tela di quadro.

 

LE INFLUENZE ARTISTICHE –  Basquiat, Harrings, Warhol, il primo Picasso, sono solo alcuni dei nomi che hanno ispirato questo artista, insieme al crogiuolo di pittori e writers della pop-art che hanno voluto, per vari motivi, rimanere anonimi; tutti questi artisti hanno spinto Lu Astell a riflettere sul colore e sulla grafica, arrivando a concludere che dietro ad ogni opera ci debba essere sempre un disegno grafico. Lu Astell, in passato,  ha partecipato ad una collettiva di artisti al Rising Mutiny, locale di Massimiliano Iovine (bassista dei 99 Posse), ed ha tenuto una personale al Castel Dell’ Ovo sulla crisi economica dei giovani, esponendo, tra le altre, l’ opera “Contorsioni”, che simboleggia il dibattersi dei giovani all’ interno della crisi.